lunedì 11 febbraio 2008

Il gioco dell'oca

Il fatto di avere il marito sommelier presenta indubbiamente i suoi vantaggi, anche per una pressoché astemia come la Gallina. Arrivano in casa mezze bottiglie dei vini più rari o pregiati, residui delle degustazioni serali che il Galletto vuol finire di assaggiare in santa pace dopo che il nobile liquido abbia ben respirato, che io verso a sua insaputa nel ragù e ti credo che poi viene così buono. Arrivano in casa calici di varie forme e dimensioni, tutti spaiati ma che importa visto il ritmo con il quale li frantumo, e poi pare che sia fashion apparecchiare la tavola con calici rigorosamente diversi gli uni dagli altri. Arrivano in casa anche inviti a degustazioni e serate enogastronomiche e se le prime mi lasciano piuttosto indifferente, alle seconde partecipo invece con sommo piacere, come quella di ieri sera, dedicata al foie gras e relativi abbinamenti enologici. Qualche giorno prima, leggendo sul giornale che in Francia c’è chi sta mettendo in discussione il foie gras e i metodi non propriamente animalisti con i quali viene prodotto, avevo provato in realtà un po’ di compassione per le povere oche e anatre costrette a mangiare con la forza, ma ieri sera, quando mi sono trovata al cospetto di bloc e torchon accompagnati da gocce di aceto balsamico, confetture e papaia caramellata con chicchi di melagrana, ho messo a tacere ogni remora e mi sono fatta travolgere dai piaceri della tavola, papille gustative a briglia sciolta, olfatto in piena libertà e gioia infinita della mente. Anche i bianchi alsaziani che accompagnavano queste prelibatezze erano di prim’ordine e il tutto si traduceva in delle accoppiate assolutamente vincenti, come un cavaliere bello e gentile che accompagna la sua dama al ballo prendendola amorevolmente sotto il braccio e danzando con lei tutta la sera. Ringraziando infinitamente gli interpreti, mi sono accomodata in platea e mi sono assolutamente gustata lo spettacolo.

12 commenti:

LA CONIGLIA ha detto...

Eh già povere ochette...ma che bonda quella robina la!!!

gallonero_74 ha detto...

Che bella idea, grazie davvero.
Staserà apparecchierò anche io la tavola con i calici tutti spaiati!!!

Bibi ha detto...

io vado letteralmente pazza per il fois gras in particolare.
ma non ne tocco più nemmeno un grammo da quando ho visto come fanno a produrlo. VISTO, non letto. è diverso, molto.

ti confesso che mi viene ancora la bava al pensiero di quel delicato alimento, e non condanno chi continua a degustarlo anzi un pò lo invidio pure.
ma io proprio non ce la faccio, haimè.

miciapallina ha detto...

bbono bbonissimo!
E non faccio fatica ad immaginarti, completamente immersa nella degustazione, con tutti i sensi aperti e ricettivi...
mmmmmmmm......
Colessi mai un'amica a sostenerti in queste fatiche..... tu fai un fischio e io sono già li!!!
nasinasi supersonici

ruben ha detto...

Io ho paura delle oche. Quando vado a correre, visto che abito in campagna, capita che mi attraversino la strada. E mi fanno paura. Per cui quando mangio il foie gras non ci penso. Se c'è il Sauternes ci penso ancora meno.
E in una di quelle vostre serate poteri venire a spiegarvi come si fa a cacciare questi cattivi pensieri... (!)

billo ha detto...

massì....una volta ogni tanto.....;)

Lenny ha detto...

mmm, non amo il fois gras, ma dal tuo racconto mi è venuta l'acquolina.

E' molto che non partecipo ad un pasto così prelibato, che coinvolge ogni senso...

grazie, quantomeno con la fantasia ho raggiunto l'estasi papillare ;)

Lenny

Mimmo ha detto...

ma che bel blog!!!!!
complimenti! ;)

cipolla ha detto...

Adoro come scrivi e racconti quello che ti capita! E' bello leggerti. Sai trasmettere sensazioni e sentimenti!

Ciao.
Cip

fabdo ha detto...

Oscar Wilde lo ha detto meravigliosamente: "I can resist everything but temptation."
Quando poi si tratta delle tentazioni di cui ci hai deliziato con il tuo post...resistere è impossibile! ;)

Anonimo ha detto...

Che bello questo tuo post, Iaia!

Mi sono divertita molto, specie riguardo al dettaglio di te che versi i pregiati vini nel ragù (lo farei anch'io, probabilmente ;) ).

Mi spiace per le oche, però, io non riesco neppure a schiacciare una zanzara fastidiosa...

Voglio anch'io il marito sommelier, invece siamo combinati al contrario - io che vorrei iscrivermi, mio marito quasi astemio.

Bacio grande
Cristina

Annachiara ha detto...

Io sono stata 7 anni con un sommelier, che non lo faceva di mestiere, ma si era comunque diplomato tael. Era una bella scuola di gusto, indubbiamente. Dall'estetica al palato!

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin