lunedì 8 settembre 2008

Ona, ona, ona, ma che bella rificolona

L’ho detto più di una volta e mi ripeto con piacere, tornare bambini fa bene, rilassa, diverte, distende e ringiovanisce. E se poi guardandosi allo specchio vediamo ancora lì al suo posto quella rughetta che ci solca la fronte come se fosse passato un aratro non dobbiamo pensare che l’effetto ringiovanente con noi non abbia avuto effetto. Assolutamente no, l’effetto l’ha avuto, eccome, ma con quelle rughette un po’ più nascoste, quelle che non vede mai nessuno ma che per me son mille volte più importanti. Quelle del cuore, che si scrolla di dosso la ragnatela che lo avvolge, come un cane che ha appena fatto il bagno, e torna roseo, liscio e cicciotello come quello di un bambino. E così, ieri sera, tornata dalla kermesse lavorativa milanese, stanca ma con la voglia di qualcosa di divertente che non mi facesse pensare più di tanto, ho convinto il Galletto ad abbandonare cacciaviti e Black & Decker per un paio d’ore e abbiamo portato la pulcina a spasso per le vie della città, per una festa tipicamente fiorentina che per fortuna resiste ancora ed è sempre la stessa di quarant’anni fa, semplice, spontanea, un tantinello becera e proprio per questo così bella, la Festa della Rificolona. Bambini che sfilano per le strade con le rificolone accese e squadre di agguerritissimi bambini un po’ più grandi che tentano di forarle, spengerle o addirittura incendiarle a suon di ben assestati colpi di cerbottana, bancarelle lungo i marciapiedi dove sgomitano luccicanti schiacciate con l’uva e orde di coccoli fumanti, pensionati che approfittano della notte mite per fare due passi nel quartiere e mamme che si rincontrano dopo le vacanze ed iniziano subito a parlare dell’imminente riapertura della scuola, grembiuli sì, grembiuli no e lo zaino nuovo ancora da comprare. C’era quell’atmosfera rilassata e caciarona che da tanto tempo non avevo più avuto occasione di annusare e il sorriso si allargava spontaneo mentre portavo con sussiego una delle due rificolone della picci ondeggiandola ad arte cercando di evitare i colpi di cerbottana sparati senza pietà anche sul mio didietro. L’avrei voluta imbottigliare quell’aria lì, in una boccettina di vetro con un bel tappo ermetico, da svitare e riannusare al momento opportuno, quando i giorni cittadini diventeranno frenetici e grigi, perennemente in corsa. Questo non l’ho potuto fare ma rileggere queste righe lo potrò fare senz’altro.

14 commenti:

LA CONIGLIA ha detto...

ma che bella festa...


fut fut fut!

(qualche colpo di cerbottana lìho spatato anche io :)

cocozza ha detto...

Quella di chiudere l'aria che si respirava in una boccettina di vetro mi è piaciuta davvero tanto ah!ah!ah!
ciao cocozza

Mammamsterdam ha detto...

Che festa bellissima (tranne la cerbottana). In Olanda si fa a san martino una cosa del genere, i bambini vanno di casa in casa con le lanternine, cantano e li riempiono di dolci.

La schiacciata con l'uva invece l'ho assaggiata sabato per la prima volta, ma la tua è bellissima, la devo provae a fare.

Moky ha detto...

Davvero, che festa incredibile... non ne avevo mai sentito parlare... un po' sto cercando di immaginarmi le sensazioni che hai descritto...

wwm ha detto...

Sarebbe stupend poter racchiudere in una boccetta le sensazioni, l'aria dei momenti felici...
Le feste di paese sono stupende e io non ne perdo una!

alianorah ha detto...

Mi hai riportato alla mente "L'acqua cheta", un'operetta che fu adattata per la televisione un secolo fa e in cui si cantava questa canzone.

Maurice ha detto...

@ Mammamsterdam: da noi (in Trentino) la festa che dici si fa a S.Lucia, ed in Alto Adige per San Nicola, sempre feste per i bambini, come la fiorentina Rificolona.

Alidiluna ha detto...

ciao
io purtroppo quest'anno me la sono persa..mi è spiaciuto per il mio nanetto, ma l'anno prossimo non mancheremo.

Giulia

S.B. ha detto...

Ma dai ! :-) anche io ieri ero alla festa della rificolona con i piccoli! :-) La prossima volta si va insieme:-)

Maya ha detto...

Buona la schiacciata con l'uva..!!!
Ciao

piattinicinesi ha detto...

la erbottana sul sedere? aiuto!
il brutto delle grandi città è non avere feste così....

giulia ha detto...

Ciao Gallina!!!
La festa della rificolona è stupenda, io ho sempre desiderato tirare con la cerbottana, ma il mio babbo non voleva.... ed ora sono un po' grandicella...

La cosa bella è che mi sono sposata l'8 di settembre così sono un po' rificolona anch'io!!!!!

Un bacione giulia *_________*

apaolal ha detto...

ohime'..la rificolona..
sono a nata a firenze e ci rimasi fino ai miei 8 anni (era il '72).a milano ci sentivamo persi..niente piu' fiume (il greve)niente piu' rificolona..e mi hai messo una nostalgia..............
ciao
annapaoal

Melinda ha detto...

People should read this.

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin